Online store

«È tutto a posto: con il mostro ho sistemato. Abbiamo parlato e lui mi ha ascoltato. I mostri, lo sanno tutti i bambini, sono degli ascoltatori sopraffini.»Filippo, ma perché ti vuoi smacchiare? In fin dei conti sei un ghepardo! Ci vorrà un po’ di tempo e molto aiuto da parte dei suoi amici, ma infine Filippo scoprirà che le sue macchie lo rendono unico e speciale.Un po’ filastrocche, un po’ poesie e un po’ storie, le “festastorie” sono piccoli racconti da gustare e custodire come un tesoro inestimabile, arricchiti dalle dalle suggestive illustrazioni di Isabella Sanfilippo, che ricordano i vecchi libri di fiabe dell’infanzia.Questa antologia, che raccoglie gli elaborati della quinta edizione del concorso "La pelle non dimentica è dedicata a quello che è stato il tema della Giornata Internazionale della Donna nel 2020: “Un mondo equo è un mondo capace”.“ Un uomo può far finta di non essere padre o addirittura negarlo, ma una donna non può far finta di non essere madre”. Viola, però, dopo aver ritrovato la donna dentro la madre, dovrà comprendere se può credere di nuovo nell’amore.Chi fa una vita più pacifica di quella di un libro, direte voi, allineato in bell’ordine assieme ai suoi simili sugli scaffali di una libreria? Invece il viaggio di un libro non finisce mai, e questa è la storia di quel viaggio.Con questi cinque nuovi testi teatrali, Luca Guerini porta sul palcoscenico una serie di temi attualissimi e ne esplora gli aspetti che più coinvolgono la società.L’Aurelia è morta e tutto il paese si chiede a chi abbia lasciato il suo gruzzolo: al nipote Adolfo o alla dama di compagnia Alta Grazia? Solo l’Armida, la Perpetua, con le sue stranezze, la sua furbizia e un pizzico di fortuna riuscirà a risolvere il mistero.Tra l’Italia e la Francia, negli anni che vanno dal 1938 al 1946 e sullo sfondo dei tragici eventi di quegli anni, si svolgono le vicende dei protagonisti di questo romanzo, uomini e donne che davvero hanno fatto la Storia con le loro piccole o grandi azioni quotidiane.Parole come farfalle colorate, che disegnano metafore dall'impatto profondo e si raccolgono in versi straordinariamente vibranti. Questa è la nuova opera di Maria Miraglia.Nove racconti, nove autori provenienti da diversi paesi, per ciascuno dei quali il mondo finisce in un modo diverso. Una piccola raccolta che porta alle estreme conseguenze le nostre paure sul destino del pianeta, aiutandoci ad esorcizzarle.“Prego consegnare alla Questura”. Questo porta scritto l’involto rinvenuto all’alba sui gradini di una chiesa. Cosa conterrà? Dove porteranno questa volta le indagini il commissario De Vincenzi, sempre più sognatore e nottambulo?"Uguale al nostro. Simile a quello delle mie vene.”" Uomini e orchi hanno lo stesso sangue, eppure da millenni, da quando una catastrofe ha spazzato via gli Antichi, non fanno altro che combattersi per la supremazia sulla terra dei Tre Presidii.Antonio e Bianca, due sognatori, ciascuno a proprio modo. Un romanzo che parla di amore e di coraggio nel perseguire le proprie passioni; una storia delicata, con due protagonisti che lasciano il segno.“Magnarse ‘o limone” significa metaforicamente accusare il colpo, subire un non preventivato, amaro risultato e rassegnarsi ad accettarlo. Questo che cerca di fare un film-maker quarantenne che, sdraiato sul lettino di un fisioterapista, cerca di spiegare come mai sia riuscito a fare un solo film.

Visualizzazione di 1-20 di 776 risultati