La figura di Eloisa nello “Scito te ipsum” di Pietro Abelardo – Una tesi storica – carta

12,00

50 disponibili

COD: ISBN 9788833282480 Categorie: , Tag: , , , , ,

Descrizione

Sulle basi dell’Epistolario, testimonianza della sua leggendaria storia d’amore con Eloisa, Abelardo costruisce lo “Scito te ipsum” in cui teorizza l’etica dell’intenzione, facendone così un monumento alla donna amata.

Il sentimento d’amore vissuto da due anime straordinarie può prendere strade inconsuete, dolci ma a volte anche tragiche. Il rapporto d’amore tra il filosofo Pietro Abelardo e la combattiva Eloisa trascende anche la morale, dando vista all’etica dell’intenzione. Abelardo ha amato Eloisa; successivamente ha definito il suo comportamento con lei come lussurioso, tuttavia, per mezzo dell’etica dell’intenzione, quasi si auto-giustifica, sostenendo che: “Dio tien conto infatti non delle cose che si fanno, ma dell’animo con cui si fanno; e il merito e la lode di colui che agisce non consiste nell’azione, ma nell’intentio.” Riconducendo al suo caso specifico, lo Scito te ipsum testimonia: “… così l’intenzione ispirata all’amore scusa colui al quale il comando è rivolto.”
L’Epistolario fra Abelardo e Eloisa testimonia questa leggendaria storia d’amore, e costituisce le basi dell’opera filosofica “Scito te ipsum”.

Informazioni aggiuntive

Autore

Valtero Curzi

Pagine

120

Formato

15×21 – rilegato

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “La figura di Eloisa nello “Scito te ipsum” di Pietro Abelardo – Una tesi storica – carta”