Se assaggio lo yoga, poi finisce che mi piace – ebook

Valutato 5.00 su 5 su base di 1 recensioni
(1 recensione del cliente)

2,49

995 disponibili

COD: ISBN 9788899964412 Categorie: , Tag: ,

Descrizione

Lo yoga non è tante delle cose che normalmente si pensa che sia, ma una certezza c’è, una certezza dalla quale partire, e questa certezza è il nostro corpo.

Che cosa è lo yoga ? Ecco, questa è una bella domanda. Rispondendo come farebbero gli indiani, forse posso iniziare a spiegare che cosa non è.

Lo yoga non è rilassamento, anche se ci aiuta a rilasciare i muscoli inutilmente contratti o tesi; non è contorsionismo, anche se si impara a padroneggiare il proprio corpo, assumendo a volte posizioni innaturali. Lo yoga non è rimanere fermi, rigidi e bloccati come degli stoccafissi, anche se si conosce l’immobilità; e non è neppure annullare la mente, anche se si impara a calmarla. Yoga non è muovere le energie (per quello ci sono gli elettrodotti) anche se si impara a indirizzare mente e sensazioni; e soprattutto non è una religione, un Credo al quale affidarsi ciecamente, anche se si appoggia alla mitologia indiana. Lo yoga non è tante delle cose che normalmente si pensa che sia, ma una certezza c’è, una certezza dalla quale partire, e questa certezza è il nostro corpo.08

Informazioni aggiuntive

Autore

Daniela Pandozi

Pagine ebook

88

1 recensione per Se assaggio lo yoga, poi finisce che mi piace – ebook

  1. Valutato 5 su 5

    Francesca Mereu

    «Se assaggio lo yoga poi finisce che mi piace» è una piacevole guida per capire e mettere subito in pratica l’antica arte dello yoga. Daniela Pandozi è riuscita a illustrare con parole semplici cos’è questa disciplina e come, praticandola, possiamo armonizzare il nostro corpo e, cosa meravigliosa, la nostra mente. E l’autrice lo fa con un approccio gioioso, giocoso:

    «Yoga può quindi voler dire anche abilità, diventare abili in qualcosa, e si sa, quando padroneggiamo qualcosa, qualsiasi cosa, vuol dire che la conosciamo e possiamo farne quello che vogliamo. Ci giochiamo. Il termine yoga è anche molto simile alla nostra parola gioco, e questa è la traduzione che a me piace di più. Praticare yoga è un po’ come giocare. Si gioca con il proprio corpo, con la propria mente, con le proprie pulsioni, e giocando, così come fanno i bambini, si impara a conoscerli e conoscendoli si apprezzano, si rispettano. Giocando si impara. Tutto qui.»

    Un ottimo libro per ritrovare la serenità interiore e anche la forma esteriore, perché, come diceva il mio insegnante di Yoga, Prashant Iyengar, «l’effetto collaterale dello yoga è che fa bene al corpo». Molto bene.

    Un bel libro che consiglio!

Aggiungi una recensione