Mechi Cena

Studia musica elettronica e informatica musicale prima al Conservatorio di Torino e poi in quello di Firenze.
Il suo lavoro come musicista segue due principali filoni di ricerca; da una parte la sperimentazione di approcci creativi con i materiali che la tecnologia, soprattutto quella povera, offre all’uso quotidiano, dall’altra lo studio dell’ambiente acustico e delle sue modificazioni.
Con Francesco Michi fonda all’inizio degli anni ’80 F.lli Format – architetture sonore -. Con questa sigla realizzano installazioni sonore, sculture sonore, performances, intervernti teorici.
Contemporaneamente fa il tecnico del suono in studio di registrazione, e più avanti, ed almeno fino al 1989, in teatro al seguito della compagnia di Leo de Berardinis.
Dagli anni ’80 scrive e realizza trasmissioni radiofoniche e radiodrammi per la RAI e poi per la Radio Svizzera in lingua italiana.. Dal 2007 realizza con Mechi Cena trasmissioni radiofoniche sul suono della quotidianità.
Oltre al lavoro di artigiano del suono ha pubblicato due romanzi: “Il blues del fiore chiaro” e “Le femmine del babbuino”. Del primo Le Mezzelane Casa Editrice progetta una riedizione, mentre il secondo è da questa pubblicato.

Per Le Mezzelane Casa Editrice ha pubblicato