Il cavaliere di bronzo – ebook

Valutato 5.00 su 5 su base di 1 recensioni
(1 recensione del cliente)

5,99

999 disponibili

COD: ISBN 9788899964467 Categorie: , Tag: , ,

Descrizione

Galenor parte alla ricerca del padre, improvvisamente scomparso. Ritrovatosi, assieme alla piccola Domiziana, in un universo parallelo abitato da animali antropomorfi scoprirà che il loro destino e quello degli animali sono connessi in modo inestricabile.

In epoca medievale, Galenor, di professione soldato, parte alla ricerca del padre, il bibliotecario del re, improvvisamente scomparso. Quella che sembra essere una fuga, in realtà nasconde un intreccio molto più complesso, che lo porta, assieme alla piccola Domiziana, in un mondo diverso dal proprio. Ritrovatosi in un universo parallelo abitato da animali antropomorfi con i quali i due umani riusciranno a stabilire un rapporto d’amicizia, Galenor e Domiziana scopriranno che il loro destino e quello degli animali sono connessi in modo inestricabile.

Informazioni aggiuntive

Autore

Fedor Galiazzo

Pagine ebook

459

1 recensione per Il cavaliere di bronzo – ebook

  1. Valutato 5 su 5

    Dora

    Animali fantastici e dove trovarli…no, non sto parlando dell’ultimo film della saga di Harry Potter, ma dei personaggi di “Il cavaliere di bronzo” di Fedor Galiazzo, edito presso la casa editrice Le Mezzelane, dove i protagonisti e le loro esistenze hanno qualcosa di davvero straordinario una volta che il lettore varca la porta di mondi sconosciuti.
    Tutto ha inizio, però, con l’umano Eddo, bibliotecario del re di un regno dalle forti tinte medievali. Quando l’uomo entra in possesso di un libro che non dovrebbe esistere né trovarsi lì sembra scomparire nel nulla, inducendo il soldato Galenor, suo primogenito, a mettersi sulle sue tracce insieme alla sorellastra Domiziana. Insieme varcheranno un portale di cui ignorano l’esistenza, ma che li porterà a conoscere un mondo dove gli animali conducono una vita molto simile alla loro, un luogo governato e abitato solo dagli animali e guidato da una famiglia reale di esseri fatti di oro dall’aspetto simile a quello degli umani, ma con forti pregiudizi verso la razza umana.
    L’incontro con gli animali antropomorfi non avviene, però, senza problemi: la diffidenza nei confronti di Galenor e Domiziana arresta la ricerca del padre, calando i due fratelli in vite fino a quel momento neppure immaginate, ma che sono scandite proprio come le loro anche se i protagonisti hanno le ali o il becco, pur conservando le stesse caratteristiche della loro razza. Conosceranno amici come il cane Keawan, la famiglia del coniglio Agenore, il possente cavallo Klaus, ma anche personaggi ambigui come il console del re e alla guida della città di Gavelle, il topo Golan, da subito ostile nei loro confronti.

    Nonostante la straordinaria scoperta di quel posto quasi magico, Galenor ben presto intuisce che le vite di quel mondo hanno a che fare con un famoso libro che ha indotto forse Eddo a far perdere le sue tracce. Un libro che non avrebbe dovuto conoscere, un testo importante che svela i segreti che muovono i fili di quella realtà parallela e che guida Galenor, passo dopo passo, a scoprire una verità scomoda e pericolosa, persino per la sua stessa vita. Non solo, ma la comparsa del famoso Cavaliere di Bronzo apre scenari e infittisce un mistero che neppure gli animali sembrano conoscere: chi è il misterioso personaggio fatto di bronzo? Perché vive confinato nella foresta con unica compagnia la fama di essere un assassino e un essere terribile? In un susseguirsi di eventi che porteranno a galla anche il passato di Galenor, la narrazione diviene incalzante, lasciando tutto in sospeso fino al finale rivelatore.
    Questo romanzo ha solo l’apparenza di una fiaba destinata ai più piccoli, perché il lettore di ogni età ben presto ne subisce il fascino; chi legge segue i progressi di Galenor e Domiziana nel tentativo di svelare un segreto che passa di bocca in bocca ma di cui il lettore rimane ignaro fino alla fine.
    Con piacere ho ritrovato in questo lavoro quel pizzico di curiosità che mi influenzava da bambina, quando sognavo di parlare con i gatti e poter capire il loro linguaggio. Il libro mi ha inoltre fatto ricordare le belle e fantasiose atmosfere di “Pomi d’ottone e manici di scopa” il film Disney con protagonista Angela Lansbury, dove anche lì gli animali vivono in comunità spesso meglio organizzate delle nostre.
    In un’atmosfera dalle tinte medievali, questo fantasy ci porta a conoscere mondi paralleli, animali antropomorfi e altre forme di vita sconosciute all’uomo: il tutto senza stravolgere i personaggi che appaiono speciali solo perché sono tali, non perché possono parlare nonostante nel nostro quotidiano non possono farlo. Non ci sono bacchette magiche, poteri sovrannaturali, o draghi che sputano fuoco: è una realtà diversa, quasi surreale, ma dove il lettore trova quel pizzico di magia in esistenze ordinarie che crescendo spesso ci siamo lasciati alle spalle.
    Immergetevi in questo mondo magico e speciale, imparando quelle lezioni che sono le più importati non solo nel nostro mondo e che spesso dimentichiamo: quelle dell’amore, verso chi abbiamo al nostro fianco qualunque sia il ruolo che riveste, e dell’amicizia, quella che unisce razze diverse anche in mondi paralleli.

Aggiungi una recensione